L’Istituto ICLeS quadriennale per la formazione all'esercizio della psicoterapia è stato riconosciuto dal Ministero dell’Università ai sensi della legge 56/89, con decreto del 9 luglio 2001.

Sono previste modalità, costi di iscrizione e frequenze differenziate a seconda che riguardino

  • Istituto ICLeS, corso quadriennale per il conseguimento dell'abilitazione di Psicoterapeuta, ai sensi della legge 56/89.

  • Moduli, Gruppi di discussione di casi, Seminari su temi clinici specifici, da concordare (con Attestato di Frequenza).

Per chi si iscrive all’Istituto ICLeS, il cui impianto è riportato dettagliatamente nei paragrafi successivi, l’ammissione si deciderà in due colloqui svolti con due diversi docenti, membri della Commissione della Formazione dell’ICLeS. I candidati, in numero massimo di 20 per ogni anno, dovranno essere accettati dalla Commissione stessa.

 

Requisiti richiesti per l’ammissione

 

     Per il decreto n. 509, art.7, “possono essere ammessi i laureati in psicologia e medicina iscritti ai rispettivi albi, o quanti conseguano il titolo di abilitazione entro la prima sessione utile successiva all’inizio dei corsi. Sono consentite abbreviazioni di corso per gli studenti in possesso di documentazione attestante una formazione teorica e pratica in psicoterapia, acquisita presso istituti già riconosciuti, che impartiscono insegnamenti affini.”

Criteri d’ammissione

     Il Candidato dovrà essere accettato dalla Commissione della Formazione.

La Commissione della Formazione è composta dal Consiglio Direttivo dell'ICLeS, il cui Presidente è Presidente dell'Istituto, e da tre membri Docenti dell'Istituto. La decisione della Commissione della Formazione avrà luogo sulla base di colloqui individuali che il Candidato avrà con due membri della Commissione stessa.

La Commissione deciderà tenendo conto dei seguenti elementi:

  • le motivazioni offerte dal Candidato;

  • le valutazioni ricavate dai colloqui sulle sue possibilità e attitudini in campo psicoterapeutico;

  • l'aver iniziato una psicoanalisi personale o essere sul punto di iniziarla.

L’analisi personale è elemento vincolante per l’iscrizione ai corsi. Il vincolo non riguarda l’orientamento né i docenti della scuola. Si richiede un’esperienza psicoanalitica come tale. Il tempo effettivo impiegato per il percorso di analisi personale è aggiuntivo alle 500 ore di attività formative previste dal regolamento dell'Istituto ed il costo varia in base agli accordi intercorsi tra il candidato e l'analista. Per i colloqui di ammissione, invece, non è richiesto alcun pagamento.

Durata del corso

     

     La Scuola ha durata quadriennale.


 

Sede didattica del corso

   

      Le lezioni si svolgono presso la Sede dell’Istituto in via Settembrini 17, Milano.

Retta annuale e rateazione nelle 4 annualità

     

     Il costo annuale di iscrizione è di € 3150. E’ possibile pagare la quota in unica soluzione oppure in 3 rate da € 1050. A richiesta, potranno essere concordati piani di pagamento personalizzati.

L’unico costo non incluso nella quota d’iscrizione riguarda l’analisi personale (vedi sopra), il cui percorso è da considerarsi aggiuntivo alle 500 ore di attività formative previste dal regolamento dell’Istituto. Il costo varia in base agli accordi intercorsi tra il candidato e l’analista.

 

Problematiche relative al percorso di studi

 

     In caso di ripetizione dell’annualità per non ammissione all’anno successivo, è prevista una riduzione della quota annuale. L’allievo che avesse necessità di sospendere temporaneamente per giustificati motivi la frequenza ai corsi o che decidesse di ritirare la propria iscrizione all’Istituto deve darne comunicazione scritta alla segreteria, successivamente ad un eventuale colloquio con il responsabile di sede. Non sono previsti rimborsi in caso di rinuncia o abbandono.

Durata e frequenza del corso

 

     I corsi hanno inizio nel mese di gennaio e terminano nel mese di dicembre. Le lezioni si svolgono prevalentemente nei fine settimana, generalmente a cadenza quindicinale. All’allievo è richiesta la frequenza all’insegnamento secondo il programma stabilito. Le assenze, motivate e giustificate, sono concesse nei limiti del 15%.

Esami e idoneità

 

     Al termine di ogni anno accademico l’allievo dovrà sostenere due colloqui sulle materie di insegnamento dell’anno, ripartite in due gruppi (materie di base e materie caratterizzanti). La sua preparazione sarà valutata da una commissione esaminatrice, formata da tre Docenti, nominati di volta in volta dalla commissione della Formazione.

Gli allievi del I, II e III anno sono tenuti a presentare alla fine di ogni anno accademico un saggio scritto (minimo 10 pagine) che verterà su tematiche cliniche e/o l’osservazione clinica di un caso o di una situazione clinica, la relativa diagnosi e lo studio teorico e clinico dell’impostazione del trattamento, con particolare riguardo ai problemi delle sedute preliminari e al tema della domanda di cura.

Gli allievi del IV anno, per ottenere l’attestato finale, sono tenuti a presentare una tesi scritta (minimo 50 pagine, 2500 battute per ogni pagina) concernente un caso clinico, l’analisi della domanda, la diagnosi strutturale, lo studio dell’impostazione terapeutica, l’indicazione teorica e clinica della

direzione della cura, con particolare riguardo ai problemi che la clinica psicoanalitica pone circa l’interpretazione e il transfert.

Biblioteca e altre facilitazioni

     

     Presso la sede dell’Istituto è in corso di allestimento una biblioteca al fine di rendere possibile agli allievi

la consultazione di vari testi e riviste utili ed interessanti per la loro formazione.

Collaborazioni professionali presso la scuola

 

     E’ possibile una collaborazione con le attività consultoriali dell’Associazione ICLeS e la partecipazione a progetti di intervento promossi dalla stessa.